FLASH Domenica 16 dicembre, 18.00 Fila San Martino di Lupari vs IREN FIXI TORINO     ·     Sabato 15 dicembre, allenamento: h.10.00 Palestra Riv Iren     ·     Giovedì 13 dicembre, allenamenti: h.10.00 Palestra Riv Iren – h.19.30 Palestra Balla

Pallacanestro Torino

From court: San Martino-Torino raccontata da “Turbo” Milazzo

Sconfitta a testa alta per Torino che molla solo nel finale a San Martino di Lupari

 

Ci siamo arrese solo negli ultimi minuti. Usciamo però a testa alta, con motivazione e tanta determinazione per domenica prossima.

Siamo cariche, lo si percepisce nel briefing pre-partita, dagli occhi di ognuna di noi sembra trasparire una motivazione in più. Sappiamo che possiamo farcela. Un mese fa circa lo abbiamo dimostrato e ne siamo consapevoli.

Contesa vinta da Ivana, Jasmine si trova il pallone in mano e mi consegna il primo possesso di gioco. La prima chiamata è uno schema provato e riprovato in allenamento, loro difendono con intensità, non sfruttiamo bene il pick and roll, ma riusciamo concretizzare l’azione con un passaggio ad Ivana da sotto che sigla i primi due punti in nostro favore. Ci aiutiamo in difesa e, sebbene possiamo essere più aggressive ed anticipare il primo passaggio, lottiamo a rimbalzo e le costringiamo a soluzioni offensive poco pulite. In attacco andiamo tutte a referto nei primi minuti di gara, giriamo la palla, riusciamo a trovarci. Coach Abignete chiama timeout quando il punteggio è 3-10 per noi dopo 5’ giocati. Entra Keys per Orozova e subito piazza una tripla in uscita da un blocco su rimessa da fondo. Attacco confuso dall’altra parte e Mahoney prima e Keys poi concretizzano dei buoni giochi a due. Parziale 7-0 San Martino, proviamo a reagire. Sophie piazza una tripla ben costruita. Forziamo in attacco ma riusciamo a trovare una buona soluzione con Ivana in post basso che finalizza l’uno contro uno. Il primo quarto si chiude 12-15.

Il parziale di 6-0 per le padrone di casa nei primi minuti della seconda frazione costringe coach Riga a chiamarci in panchina. Siamo frenetiche in attacco ed i nostri errori permettono a loro di trovare punti facili. Dobbiamo evitare banalità. Siamo -5 a metà secondo quarto. Ivana e Sophie prendono rimbalzi importanti, soffriamo però le loro penetrazioni poiché da queste scattano gli aiuti e da fuori loro sono più precise. Noi, invece, non lo siamo in attacco e nemmeno dalla lunetta, fatichiamo molto per trovare soluzioni offensive pulite. Abbiamo un po’ perso smalto. Gli arbitri consentono contatti al limite del lecito, loro sono più fisiche e giocano sporco. Keys è in grande spolvero, mette a segno canestri pesanti ben individuata da Mahoney e compagne. Prova a rispondere Jasmine con tre punti in fila. C’è frenesia da ambo le parti. Il tabellone segna 36-28 alla fine della seconda frazione.

Andare negli spogliatoi ci serve per ritrovare lucidità fisica e mentale; sappiamo che è dura ma in 20 minuti di gioco può ribaltarsi tutto.

La freccia indica palla a Torino, Gill cerca la soluzione individuale che non va, c’è Ivana a rimbalzo che cattura di forza il pallone e mette a segno i primi due punti del terzo quarto. San Martino risponde con un ottimo back-door di Mahoney che punisce la nostra difesa disattenta. Botta e risposta nei primi minuti. Siamo sempre a -8. Un ottimo gioco da tre punti di Clara prima, ed un canestro in contropiede di Jasmine poi, ci riportano a -3. Cerco di pressare Gianolla, farle perdere secondi preziosi. Difendiamo bene, siamo aggressive. Siamo rientrate in partita quando mancano 4’ alla fine del terzo periodo. A dare ossigeno alle lupe giallonere sono le giocate di grande talento ed esperienza di Mahoney ed il cinismo di Fassina. Noi non ci stiamo, Alice trova due punti importanti dopo un’azione confusa, Sophie stoppa Keys e va in lay-up. Ci gasiamo, dalla panchina ci alziamo ed incitiamo le compagne. Siamo di nuovo 0-0. Il terzo quarto si chiude infatti 46-46. Sento poca energia nelle gambe ma ripeto a me stessa che possiamo farcela, devo lottare, dobbiamo andare oltre la stanchezza.

Quarta frazione all’insegna dell’equilibrio, si fa a sportellate. Cerchiamo di servire Ivana in post basso ma viene raddoppiata e le sue conclusioni sono sporcate. Si segna poco da ambo le parti. Sul punteggio di 49-50, pick and pop tra Mahoney e Keys, quest’ultima servita come con il contagiri, piazza una tripla pesantissima per il nostro morale quando mancano 5’ alla fine della gara. Ci provano Jasmine prima, Sara poi con una tripla che non va. Non si riesce a far canestro. Sophie è encomiabile in difesa ed a rimbalzo. C’è sempre lei e se mai voleste provare a prenderle un rimbalzo in faccia evitate anche di provarci. Proprio lei è davanti a Filippi, ha preso bene posizione sotto canestro ma non riusciamo a servirla. Palla persa, la prende Mahoney. Pick and roll, Jasmine passa in quarta posizione, tiro dietro al blocco: 3 punti, la dura legge dello sport. Sbagli una, due, tre volte, è inevitabile che tu venga punito, specie se hai di fronte gente che sa giocare veramente.

Il coach chiama time out, punteggio 55-50 a 2’ dalla fine. Ancora una volta non andiamo a canestro, arriviamo un pelo in ritardo in difesa e loro ci puniscono. Oroszova segna da due, Mahoney prende fallo e fa 2/2 dalla lunetta. La partita scorre così, non abbiamo più trovato punti dal campo, solo un tiro libero di Sophie.

Punteggio finale 61-51.

Ci siamo arrese, peccato davvero. Odio dirlo. Abbiamo fatto un grande sforzo per recuperare lo svantaggio, poi vanificato da errori banali, ingenuità ed un pizzico di cattiva sorte. Di fronte avevamo una signora squadra ma non abbiamo sfigurato, anzi!

Serve però più carattere. Qualcosa in più da ognuna di noi senza critiche od alibi. Adesso non possiamo più sbagliare.