FLASH Sorbino Cup: un crudele 98-53 sancisce la sconfitta dell’Iren Fixi a Venezia     ·     È partita la campagna abbonamenti della Iren Fixi Pallacanestro Torino per la Serie A1 di basket femminile 2018/2019.     ·     La Iren Fixi Pallacanestro Torino si stringe attorno al dolore che ha colpito la sua tesserata Giulia Togliani, la sorella gemella Anna e tutta la famiglia, per la prematura scomparsa della mamma Gabriella. Alla famiglia Togliani le più sentite condoglianze della società torinese.

Pallacanestro Torino

From court: Broni-Torino raccontata da “Turbo” Milazzo

Vittoria di cuore e carattere in quel di Broni

Che il campo di Broni fosse veramente ostico si sapeva già, così come la spensieratezza mentale delle ragazze di coach Sacchi che, a salvezza raggiunta, avrebbero potuto esprimersi senza troppe pressioni e condizionamenti di risultati. Certo, le assenze di Wojta in primis e Gatti poi, potevano considerarsi un vantaggio per noi, ma si sa, ogni partita ha una storia a sé, e bisogna essere concentrate e preparate a tutto.
L’avvio è ottimo: contesa per noi, palla dentro ad Ivana marcata dalla collega croata Premasunac che commette il suo primo fallo. Caricare le loro lunghe di falli era una strategia importante per noi, viste le loro corte rotazioni in panca. Broni sembra avere più energia specie nella prima parte della gara, attacca con fluidità, trova canestri da ogni parte e con ogni giocatrice, praticamente non sbagliano nulla, il tutto con o senza mani in faccia. Siamo sotto di 11 a pochi minuti dalla fine del primo quarto. Dobbiamo svegliarci e soprattutto essere più precise in fase offensiva. Un guizzo di Jasmine prima e due palle recuperate poi, innescano un parziale di 0-6 che costringe coach Sacchi a chiamare time out sul punteggio di 21-16. Continua la striscia positiva delle avversarie che hanno in Van Grisven e Castello ottime concretizzazioni. Noi accendiamo e spegniamo la lampadina con troppa incostanza. La prima frazione si chiude 28-18.
Rosicchiamo pian piano lo svantaggio con Jasmine e Cocca ai liberi. Siamo fortunate perché Ravelli non è ancora entrata in partita e loro iniziano a sbagliare da fuori. Momento frenetico della partita, trovo un varco su un pick and roll, vado dentro ma sbaglio il lay up, mi è mancato l’appoggio della gamba sinistra. Dovremmo servire più Sophie in post basso, ma certo, col senno di poi o da uno schermo tutti possiamo individuare soluzioni migliori. Mi faccio battere sul centro da Giulia Moroni, tenere l’uno contro uno e mandare sul fondo è la prima cosa che si insegna. Non so se è questione di gambe. Sicuramente lo è di testa.
Clara difende bene su Premasunac, soffriamo un po’ i pick and roll laterali ma recuperiamo palloni importanti: una su tutte Cocca, che lancia Sophie in contropiede siglando il meno 2. Che sforzo, che ripresa, siamo di nuovo in partita. Si va negli spogliatoi col punteggio di 33-31.
Inizia la terza frazione sul filo dell’equilibrio, botta e risposta da entrambe le parti, bei canestri di Clara e Cocca da una parte, più punti dalla lunetta dall’altra. Sale in cattedra anche Sophie che, siglando 4 punti in fila, ci porta in vantaggio. Van Grisven scuote le sue, non riusciamo ad attaccare fluidamente, ma difendiamo col cuore. Clara piazza una tripla di tabella che fa esplodere la panchina. La buona sorte è con noi! Il punteggio si ferma sul 40-41 per qualche minuto fino a quando un contropiede portato avanti da Alice e finalizzato da Jasmine ci porta sul +6. Mi sblocco finalmente da tre punti con un tiro senza ritmo ma andato a buon fine.
Il terzo quarto si chiude 45-61.
L’ultima e decisiva frazione si apre con parziale di 5-0 in nostro favore creato da un mio canestro in contropiede ed una tripla pesantissima di Clara. Subentrata ad Ivana fuori per falli, è stata determinante in diverse fasi della partita. Siamo +9 adesso. Premasunac e Van Grisven provano a rispondere ma teniamo botta con grinta e cuore sebbene le energie siano al minimo oramai. È una battaglia, vince chi ne ha di più. A pochi minuti dalla fine, sul 60-67, Ravelli centra una tripla da quasi metà campo che riapre tutto. Loro non mollano niente. Mi ripeto in campo quanto ancora possa essere lunga e trovo forza pensando a quanto meritiamo questa vittoria. Siamo brave a gestire il vantaggio ed essere ciniche dalla lunetta con Sophie prima ed Alice poi.
Tabellone finale 63-72.
Peccato che lo streaming sia saltato, vi siete persi un gran bel finale!
Abbiamo raccolto i frutti di un lavoro intenso e di buona qualità svolto nelle due settimane precedenti. Lo sport ti premia prima o poi, basta solo perseverare e volerlo. Sempre, con lo stesso entusiasmo. E sulla scia di queste belle emozioni, portare a casa le prossime due partite e terminare la stagione, chi lo sa, magari al settimo posto, sarebbe una bella soddisfazione per tutti.